Comune di Budoni

Portale ufficiale del Comune di Budoni

25-05-2018
Pathway: HOME » Notizie » Rimborso spese viaggio agli elettori residenti all’estero

Rimborso spese viaggio agli elettori residenti all’estero

Rimborso spese viaggio agli elettori residenti all’estero
Data di pubblicazione: 30/04/2018
 

ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE

 

Direzione generale degli affari generali e della società dell’informazione Servizio delle Attività amministrative, di controllo e dei supporti direzionali

Oggetto: Procedimento informatizzato Sportello Unico Servizi - Rimborso spese viaggio agli elettori residenti all’estero.

Si comunica che la Giunta Regionale con la delibera n. 11/6 del 01.03.2016, avente ad oggetto “"BPR2-SUS" (Sportello  dei  servizi  online).  Atto  di  indirizzo  relativo  all’inclusione del  progetto nell’ambito dell’Agenda Digitale della Sardegna ed autorizzazione all’uso delle risorse POR FESR 2014-2020” ha individuato il Servizio sistemi informativi di base e applicativi del Sistema Regione della  Direzione  generale  degli  Affari  generali  e  della  società  dell'informazione, quale  soggetto attuatore dell’intervento “Sportello Unico dei Servizi (BPR -SUS)”.

Sulla base di tale delibera e in accordo con il Servizio scrivente, si è concordato di utilizzare il Sistema SUS anche per il procedimento Rimborso spese viaggio agli elettori residenti all’estero.

Ciascun Comune dovrà individuare un soggetto responsabile del procedimento che avrà l’obbligo di registrarsi e definire il procedimento informatico come indicato nel Manuale operativo.

Per chiarezza si rivisita di seguito la procedura per la corretta definizione del procedimento amministrativo.

Il contributo è anticipato dai Comuni nel rispetto dei limiti sanciti dall’art. 4, comma 7, della L.R. 12 del 2013 previa presentazione da parte degli elettori di tutta la documentazione comprovante le spese di viaggio.

Al fine di beneficiare del contributo per il rimborso delle spese di viaggio gli elettori devono:

  • essere iscritti all'A.I.R.E. (Anagrafe Italiani Residenti all'Estero) o avere in corso la procedura di iscrizione all'A.I.R.E. attestata dall'Ufficio Consolare dello Stato estero di provenienza;
  • aver espresso il proprio voto esibendo la tessera elettorale regolarmente vidimata col bollo della Sezione e la data di votazione o, in mancanza di essa, di una dichiarazione rilasciata dal presidente del seggio che attesti l’avvenuta votazione corredata della fotocopia di un documento di identità valido;
  • dimostrare con i biglietti aver compiuto il viaggio di arrivo (al Comune di riferimento) non prima di due mesi dalla data delle votazioni e quello di rientro al Paese estero non oltre i due mesi successivi (in caso di scalo aereo o navale tra lo sbarco e l’imbarco non si dovrà superare le 24 ore di sosta). E’ esclusa la possibilità di beneficiare del contributo per una sola tratta anche se avvenuta nei termini.

Sono ammesse al rimborso solamente le spese di viaggio ammissibili e documentate, oggettivamente riconducibili all’elettore e al tragitto percorso dallo stesso. Sono ricomprese le spese comprovanti titoli  di  viaggio  a  mezzo  aereo,  nave,  bus  extraurbano e  treno  purché  il  tragitto effettuato sia coerente con l’itinerario del viaggio dell’elettore e nei limiti degli importi massimi rimborsabili previsti dalla normativa vigente.

Si sottolinea l’estrema importanza di procedere alla conversione della valuta estera in euro, tenendo agli atti la stampa da cui si evinca il valore, al fine di evitare errori nella quantificazione della somma da erogare.

Sono escluse dal rimborso le spese sostenute per pedaggi autostradali, per auto a noleggio con o senza conducente o di soggetti terzi, per parcheggi, per uso di taxi, per chilometraggio con mezzo proprio e per passaggio auto in nave anche se di proprietà dell’elettore.

Non hanno diritto al contributo gli elettori che si trovano all’estero per motivi di studio o per lavoro a tempo determinato che non possono per legge trasferire la residenza all’estero.

Le Amministrazioni Comunali dovranno, come in passato, conservare nel proprio fascicolo tutta la documentazione  identificativa  e  di  viaggio  (unitamente  agli  allegati  B  e  B1)  prevista  dal procedimento amministrativo, compilare e inviare il format on line rinvenibile all’indirizzo internet sopra indicato. In caso di campionamento, tutta la documentazione del fascicolo dovrà essere trasmessa on line allo scrivente Servizio direttamente dal portale SUS. Gli accertamenti su tale documentazione riguarderanno la correttezza della quantificazione delle somme erogate dai Comuni agli elettori e il possesso dei requisiti degli aventi il diritto al rimborso.

Si raccomanda di inoltrare separate istanze per ciascun turno elettorale (comunali ed eventuale ballottaggio).

Si confida nella consueta collaborazione, si prega di dare ampia diffusione delle indicazioni fornite con la presente circolare, in particolare per supportare i Funzionari incaricati della competenza in argomento, e si rimane a disposizione per eventuali richieste di chiarimento.

Cordiali saluti.

Il Direttore del Servizio: Ing. Valeria Sechi